Namastè

Namastè

Dimensioni

73cmx99cm



Tecnica

Matite di grafite e carboncino su foglio bianco



Anno

2018

Introduzione all'opera:


La parola Namastè deriva da due parole di origine sanscrita, la prima “namah” che significa “m’inchino” e “te” che significa “te”. La traduzione letterale quindi è “mi inchino a te” ma l'interpretazione del significato è ben più profondo e simile a “lo spirito che è dentro di me riconosce lo spirito che è in te”.

Assumere un atteggiamento consapevole che chi ci è davanti è un essere umano con il suo valore intrinseco, al di là di pregi e difetti, è una tappa quanto importante quanto difficile da raggiungere e non dipende da credi e religioni.

Riuscendo a impadronirsi di un profondo senso di vicinanza e rispetto per il valore in sè di ogni essere umano, proprio perchè tale, si potrebbero compiere infinite meraviglie.

Volutamente la persona raffigurata non è propriamente "giovane" simbolo del fatto che il cammino proposto, sfociato in un delicato ma potente gesto a mani giunte, ha portato i suoi frutti abbracciandosi con il tempo, accompagnandosi con il corpo e affrontando le difficoltà con gesta di cuore e mente.

Ecco quindi:


"Namastè"


Marco Leo © 2017

Copyright © All Rights Reserved